LA CONOSCENZA RENDE LIBERI

per favorire l'incontro di idee anche diverse

Un’altra figuraccia di Feltri e de “IL GIORNALE”

8 commenti

E così, ancora una volta, e sia pure a denti strettissimi, e in una pagina interna, Feltri si rimangia ciò che aveva sbandierato per un paio di settimane al rientro dalle ferie, e che ha spinto il povero Boffo a dimettersi.

Come riporta anche il Sole 24 Ore (noto giornale comunista) del 4 dicembre, Feltri deve ammetterlo: era una bufala. Sentite qui. «Personalmente – scrive Feltri – non mi sarei occupato di Dino Boffo, giornalista prestigioso e apprezzato, se non mi fosse stata consegnata da un informatore attendibile, direi insospettabile, la fotocopia del casellario giudiziario che recava la condanna del direttore a una contravvenzione per molestie telefoniche».

Inaudito. Fosse la prima volta che le fonti di Feltri, da lui sempre definite “attendibili”, “insospettabili”, gli tirano il bidone, pazienza. Ma non è affatto la prima volta. A parte la figura da peracottaro sul caso Mitrokin, possiamo annoverare – tra le tantissime – anche la più recente, quella del suo giornalista Francesco Guzzardi, che dopo essersi scritto una lettera minatoria da solo (firmata “Brigate Rosse”), ha pubblicato un articolo in cui sproloquiava come sempre sull’intolleranza e la violenza che ci sarebbe nel DNA dei “rossi”. Peccato per lui che, allertata la Digos, gli agenti di quest’ultima, fatta una rapida indagine, gli fanno ammettere che se l’è scritta da solo, e lo denunciano per procurato allarme.

Ma perché Feltri ci casca con questa regolarità? Lo dice lui stesso: «La ricostruzione dei fatti descritti nella nota – prosegue Feltri – oggi posso dire, non corrisponde al contenuto degli atti processuali. All’epoca giudicammo interessante il caso per cercare di dimostrare che tutti noi faremmo meglio a non speculare sul privato degli altri, perché anche il nostro, se scandagliato, non risulta mai perfetto«. Hai capito, che giornalista? Lui non pensa di dover pubblicare notizie vere. Che siano vere o no, chi se ne frega. L’importane è cercare di dimostrare una tesi. E lo dice con un candore davvero disarmante.

Poi, naturalmente, è sempre colpa della vittima: “La cosa da piccola divenne grande – prosegue Feltri – ma forse sarebbe rimasta piccina se Boffo invece di segretare il fascicolo, lo avesse reso pubblico, consentendo di verificare che si trattava di una bagatella e non di uno scandalo. Dalle carte infatti, Boffo non risulta implicato in vicende omosessuali, tantomeno si parla di omosessuale attenzionato». In altri termini, se Boffo non si fosse difeso… non ci sarebbe stato tutto ‘sto can-can.

Adesso mi piacerebbe sapere che ne dicono tutti i blogger di destra, che davano del “frocio” e del “pederasta” a Boffo.

Sarebbe come dare del “giornalista a Feltri.

DATI e FATTI

About these ads

Autore: laconoscenzarendeliberi

per favorire l'incontro di idee anche diverse

8 thoughts on “Un’altra figuraccia di Feltri e de “IL GIORNALE”

  1. Boffo è la vittima dello scontro mediatico PRO o CONTRO il Silvio.

    le scuse di Feltri sono ridicole e fatte malissimo, avrebbe fatto meglio a dire: l’ho fatto per bilanciare gli attacchi di repubblica, si fotta Boffo, vittima casuale.

    D’altronde questa guerra è iniziata con Noemi Letizia, molto rumore per nulla, la D’Addario (sicuramente attendibilissima..) ed è chiaro che anche di qua si sia reagito a cannonate, ed in una guerra vanno di mezzo anche gli innocenti.

    Forse se si smettesse di guardare nelle mutande della gente ma si badasse a come governano, queste cose non accadrebbero.

    • Come al solito si rigira la frittata quando non c’è niente di meglio da dire.
      Secondo te, per “bilanciare un attacco” bisogna inventare delle sonore stronzate e rovinare la vita a gente che non c’entra niente?
      Non c’è male: sei molto democratico; proprio una personcina per bene!

      Quanto a Noemi: è lei che ha fatto tutto da sè; dicendo cose che ha ritrattato o che sono state smentite il giorno dopo.

      Neanch’io vorrei guardare nelle mutande della gente ma non è colpa mia se Berlusconi fà politica con quello che c’ha dentro le mutande.

      • io non sono nè democratico nè per bene, semplicemente constato i fatti.

        c’è una guerra e non si fanno prigionieri, nè da una parte nè dall’altra.

        Berlusconi non fa politica con il suo uccello, siete voi che non avendo cose serie da dire e probabilmente per un senso di inferiorità da ricordi da doccie a scuola parlate solo del suo uccello.

        E questo distrae la gente dai problemi reali, che sono ben altri perchè non serve essere di sinistra come voi per dire che questo governo sta facendo molto poco rispetto a quanto noi, elettori di destra ci aspettavamo.

        Ma vorrei che il governo venisse incalzato sui fatti, non sui pompini della D’Addario, non trovi?

        • No. Perchè se poi lui sceglie chi portare in Parlamento o in Europa in base ai pompini che gli vengono fatti… ti dirò: a me un pò dispiace. Per te invece è tutto ok?
          Infatti, la D’Addario era candidata in Puglia; e c’erano un bel pò di veline e attricette che dovevano andare in Europa e che non ci sono andate perchè è scoppiata la sua ex-moglie (sono loro stesse a dirlo in alcune interviste). E dopo queste cose, vengono fuori dubbi circa la Carfagna, la Prestigiacomo, etc…: donne fatte entrare in politica senza uno straccio di curriculum.

          Sul fatto che c’è una guerra non sono d’accordo: c’è solo Feltri che fà casino da solo (insieme agli altri giornali e televisioni di B) sparando sugli innocenti senza motivo ma solo per sollevare un pò di polverone e “far parlare d’altro”.
          Se pensi che ci sia una guerra, dimmi chi è l’altra parte e quali innocenti ha colpito, grazie.

          Un’ultima cosa: io non sono di sinistra. Sarà la quindicesima volta che me lo dite ma vi sbagliate, non lo sono (l’ultima volta ho votato Di Pietro che è di centro-destra). E smettetela di usare queste parole per dividere: la sinistra non è nè il bene nè il male; e neanche la destra.
          Ci sono le persone e basta! Loro sono il bene e il male.
          Dovremmo imparare a giudicare di più in base alle persone anzichè guardare la loro parte politica.

  2. feltri è pagato per creare uno scontro tale da intimidire gli avversari che hanno un minore budget per le spese legali
    è un killer senza scrupoli che difende gli interessi del suo boss
    altro che vittima

  3. Resta il fatto che non esiste una sola notizia scomoda per il premier, pubblicata su Repubblica, che si sia rivelata falsa.
    Resta il secondo fatto, e cioè che molte “notizie” pubblicate da Feltri e Belpietro contro la sinistra si sono poi rivelate bufale clamorose.
    Questa è la stampa che legge il popolo di destra, piaccia o no.

  4. Se lui sceglie così male la gente da mandare in parlamento o in Europa, a voi che ve ne frega? Sarà un bel vantaggio per voi comunisti delle mie mutande, che schierate solo personaggi di eccelsa qualità, come Marrazzo, come Bassolino, come Sircana, come Del Bono! Tutta gente per bene, che non fa certe cose!!!!! Con i vostri argomenti così toccanti e profondi la gente vi ricoprirà di voti ad ogni occasione elettorale!!! E poi avete il grande vantaggio di avere fior fiore di giornalisti, da Travaglio a Santoro al fascista Bocca ( quello che in camicia nera faceva l’elogio di Mussolini, poi, sparito lui, è diventato patriota, partigiano e rosso)! Roba da VOMITO.!!!

  5. se devi proprio vomitare fallo sul giornale di feltri e sulla vicenda Boffo di cui non hai detto niente, quanto aglo scandaletti rosa del pd sfondi una porta aperta, mentre vedo che la tieni ben chiusa sui super scandali di corruzione mafia e ruberie per miliardi di cui non parli…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 42 follower